'a città 'e Pulecenella

ON AIR –

T’accumpagno vico vico,
sulo a te ca si’ n’amico…
e te porto p”e Quartiere,
addó’ ‘o sole nun se vére…
ma se vére tutt”o riesto…
e s’arápono ‘e ffeneste;
e capisce comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella!

Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…
Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…

Mme dispiace sulamente
ca ll’orgoglio ‘e chesta gente,
se murtifica, ogne ghiuorno,
pe’ na máneca ‘e fetiente
che nun tènono cuscienza,
che nun tènono rispetto…
Comme fanno a pigliá suonno,
quann’è ‘a sera, dint”o lietto?!…

Dint”o lietto, dint”o lietto,
quann’è ‘a sera, dint”o lietto…
Dint”o lietto, dint”o lietto,
quann’è ‘a sera, dint”o lietto…

Mo te porto a Margellina,
sempe ca nun tiene fretta,
verso ‘e ccinche d”a matina,
quann”o traffico ‘o ppermette…
Ccá è permesso tutte cosa,
no’ pecché tiene ‘o diritto…
ma pecché s’è sempe fatto…
o è sultanto pe’ dispietto!…

Pe’ dispietto, pe’ dispietto,
o è sultanto pe’ dispietto!…
Pe’ dispietto, pe’ dispietto,
o è sultanto pe’ dispietto!…

Mme dispiace sulamente
ca ll’orgoglio ‘e chesta gente,
se murtifica ogne ghiuorno…
e nuje ce mettimmo scuorno…
Ma nisciuno pò fá niente:
ce ‘a zucammo ‘a caramella…
Comm’è doce e comme e bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…

Comm’è doce, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…
Comm’è doce, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…

Ah!…Ah!…Ah!…(voci)
Ah!…Ah!…Ah!…(voci)

Comm’è doce, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pullecenella…
Comm’è doce, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…

I’ che sóngo musicante
e mme sento furtunato,
canto e sòno, sòno e canto,
chesta bella serenata…
E pecché só’ ‘nnammurato,
pecché forse ce só’ nato…
ma vedite comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella!…

Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella….
Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…
Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…
Comm’è bella, comm’è bella,
‘a cittá ‘e Pulecenella…

 (chi ha bisogno della traduzione chieda…

E gli sarà dato…

sì sa… noi Napoletani siam persone di cuore…)

E ora che il treno lascia Vesebo…

alla sua coda…

io sento già Malinconia prender spazio…

Cemetery Statue of Angel Mourning © Thom Lang/Corbis

tra i sentimenti…

e stanziarsi immobile…

in prima linea…

Girl and Boy in Swimsuits Standing Back to Back  © John-Francis Bourke/zefa/CorbisPerò son FELICE…

di tornare da TE…

e ascolto la musica di Polly…

perchè la mia è andata persa…

in questo viaggio di ritorno…

per aggiornare…

qualcosa che non esisteva…

quindi… è andato perso…

il mio…

ma Polly…

ha messo allegria…

con la playlist Napoli…

mettendo anche le canzoni di quando eravamo piccine…

e io giocavo a fare la sua mamma…

Le nuvole hanno la forma di dame distese su divani…

di cielo…

e cammina cammina che trovo cio’ che suona…

musica per la mia vita…

Il treno è fermo da piu’ di mezz’ora…

e non siamo neanche a metà strada da ROMA…

 

Colui che siede davanti a me …

ha finalmente deciso di guardare il tramonto…

e alza l’oscura-luce un pò più di prima…

in modo che non mi venga il colpo della strega…

E il sole va giù…

come il mio umore…

mentre aspetto…

E la luce della prima stella della sera …

si accende nei mei occhi…

riflessa…

mentre contemplavo i colori del tramonto…

e le luci delle automobili che

continuano a riflettersi nel vetro…

Ferma ancora…

aspetto…

cio’ che Napoli è per me…

rinchiuso in parole di canzoni…

…aspetto cio’ che vorrei fosse…

Napoli…

 

 

E quando ti vedo alla stazione…

sembri un’ allucinazione…

ti metto la testa contro…

sorrido…

 

VENTO DI
Le acque dormivano all’infinito fermo.
L’ebraico antico scrive il primo vento
con un verbo di ali: merahèfet,
strascico di Elohìm sopra le acque.
Aizzava i volti: vortici, ondate, spruzzi
e dopo il suo passaggio tornava la pianura,
la notte incatramata.
Arpa, cembalo, piffero: quale arnese da pesca
del corallo sonoro accosta il merahèfet?
Uno scirocco arso che succhia gocce dal sudore di schiene,
una falce che stramazza steli,

un pettine su treccia, un ciottolo spiccato da una fionda,
un succhio di poppante, lo schiaffo dell’aria
tra lo scoppio e l’arrivo
della granata in cortile ?
Sorda è la scrittura, tocca al musico,
all’incudine d’argento del suo orecchio,
avere la visione.
Senza lucciola di sillaba vede musica al buio.
Venga e sbatta le due selci contro,
dia la scintilla al diapason,
scateni la versione sonora del vento di Elohìm
che si strofina sugli oceani neri.


( tratto da: Erri de Luca “Opera sull’acqua e altre poesie” ed. Einaudi)

Annunci

4 thoughts on “'a città 'e Pulecenella

  1. Comm’è bella, comm’è bella, ‘a cittá ‘e Pulecenella… comm’è bello comm’è doce, è l’angelo mio! è turnato! ed i’ songo troppo felice…. Se ti dico che mi sei mancata ci credi? Ti pensavo, là con la tua famiglia, i tuoi occhi brillanti, sbirluccicanti… e ridevo! ridevo come fa GIö, con tutto il viso, non solo con la bocca! Avevo una voglia di leggere le tue parole che a finire di leggere sta cosa avevo gli occhi lucidi!! E poi mi prende così, uffete! Non ti arrabiare! Sai che il 2007 rispetto a tutti gli altri, troppi, anni passati, ha quacosa di veramente unico e senzazionale? Inizia che GIö c’è già! Non devo mica spettare Agosto!! Ti Vi Bi…Ti Ti Bi….

  2. follettuzzo:… e poi come sempre … dopo che io scrivo… ci son i tuoi commenti… e poi a piagnè so’ io!!!uffete!!! hihihi ti abbraccio!!! GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...