Le storieminuscole stanno per …

Cosa mi ha portato questo 2016?

Tanti cambiamenti.

Alcuni a prima vista irrilevanti. Altri … Voragini che mi hanno risucchiata.

Non mi sono lamentata, non è il mio modo e non lo apprezzo neppure più di tanto negli altri. Ho deciso. Lamentarsi toglie energie. Almeno le toglie a me. … Forse avete visto magari il mio umore cambiare, ci sono cose che non si spiegano e chi chiede per sapere di più non è degno.

Almeno non lo è per me.

Cos’hai? Cos’ ho? Ci sto riflettendo per trovare una soluzione…  Che se lo dico poi lo dimentico …  E invece una soluzione va trovata.

La sete di conoscenza non vince sui cambiamenti di vita degli altri.
Non ho scritto abbastanza ultimamente poi … Stanotte ho sognato.

Chi siete voi due ? … Fate un pezzo di strada con me la mia Marshall portatile qualche blocco di libri fotocopiati e rilegati a spirale e parlate come ci conoscessimo da sempre. 

Che comunque a ripensarci ci si racconta di più all’inizio quando non ci si conosce.

Però abbiamo lo stesso passo.

È un sogno in cui io faccio e rifaccio la stessa strada svariate volte perché ho sempre lasciato in giro e dimenticato di prendere qualcosa … Gli appunti finiti in un carrello accanto a libri di matematica di qualcun’altro. La cassa portatile … 

Dopo questo sogno ho assolutamente bisogno di una Marshall.

Comunque voi due, desiderosi di baciarvi in un mio sogno, chi siete?

Ho pensato a mia figlia da “grande” … Sarà che ieri l’ho vista in prospettiva alla festa di compleanno della cuginona … Per pochi minuti l’ho fatto. Poi ho smesso… Ad ogni età la sua bellezza.

Forse.

Ma avete i capelli più scuri, colorati in ciocche… Forse lei.

Mi somigliate entrambi.

So di sicuro che siete stati insieme ma chissà per quale ragione nel mio sogno avevate anche paura del minimo contatto.

Avevate paura del legame che ricuciva … Intanto i fili si tessevano e intrecciavano.

E voi due neppure ve ne rendevate conto.

Io sì, e vi sorridevo.

Ecco credo siano nate così anche per Valeria le 366 storieminuscole.

Da un sogno , da un sasso, da un passo.

E poi sono diventate 366.

Sono già 366, cioè ci sono già… Ma l’ultima non è ancora scarabocchiata.

So che noi due ormai siamo noidue. È irrinunciabile.

Dal primo momento ancor prima di questa potenza delle nostre storieminuscole ho pensato a Valeria come qualcuno che può accompagnare la mia vita.

Mi succede con mia sorella e con alcuni amici. Pochi. 

Quelli che non ti dicono che il tempo non c’è (ma va?!) e che non basta e che … 

Valeria c’è. Nonostante i chilometri che per noi non esistono.

Io ci sono. Con Annalù naturalmente. Lei non se ne cruccia e non credo sia solo perché mi ha conosciuta con Annalù già presente. 

A me piace stare a guardarle giocare mentre preparo la cena o solo giocare con loro.

Ho bisogno di persone che agiscono per ciò a cui tengono e che osino.

Stimo chi tenta e non ha paura delle reazioni.

Questo me lo ha fatto capire mia sorella qualche giorno fa.

Mi piace il fare bambino che sperimenta, spettinando capelli sempre ordinati.

Tentare.

Respirare.

Sognare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...